26 apr 2017

C’è un uomo armato di fucile in strada, paura in Prati. Zona blindata da carabinieri e polizia

C’è un uomo armato di fucile in strada, paura in Prati. Zona blindata da carabinieri e polizia: ""Aiuto, in strada c'è un uomo armato di fucile". Questo il contenuto di una chiamata arrivata al numero unico per l'emergenze nella mattinata di oggi, mercoledì 26 aprile, attorno alle 11.00. L'anonimo cittadino ha dato come luogo dell'avvistamento via Plinio, nel quartiere Prati, parlando di uomo apparentemente di origini africane, che indossava uno zaino di colore verde e un cappello blu. Sul posto  diverse volanti di polizia e carabinieri, che hanno setacciato tutta la zona, fino a San Pietro e al Lungotevere, senza ottenere però riscontri dell'allarme.


Si ipotizza che l'arma vista da un cittadino posso essere solo un giocattolo, come accaduto il 25 gennaio del 2016 quando un episodio analogo aveva portato all'evacuazione della Stazione Termini, per l'avvistamento di un uomo che viaggiava con un'arma giocattolo da regalare al figlio. Qualche giorno fa a Napoli invece, una serie di telefonate hanno riferito di un uomo che girava armato di mitra per il quartiere di Fuorigrotta, anche in questo caso senza nessun riscontro."

'via Blog this'

Protezione Civile, 4 arresti per truffa - Rai News

Protezione Civile, 4 arresti per truffa - Rai News: "9.00 Un funzionario della Protezione civile della Regione Calabria e 3 imprenditori sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza e dalla Dia di Reggio Calabria con l'accusa di truffa aggravata ai danni dello Stato. Nel corso dell'operazione, i militari hanno anche eseguito il sequestro di beni per oltre 250.000 euro. Prevista una conferenza stampa alle 11 presso la sede del Comando provinciale delle Guardia di Finanza di Catanzaro."


'via Blog this'

Roma, turista tedesca fa il bagno nella fontana di Trevi: multa da 450 euro

Roma, turista tedesca fa il bagno nella fontana di Trevi: multa da 450 euro: "Una donna tedesca di circa 60 anni è stata multata per essersi immersa nella fontana di Trevi questa mattina alle 10 circa. Gli agenti della Polizia locale di Roma Capitale gruppo Trevi hanno visto la donna entrare in acqua vestita e sono intervenuti immediatamente per farla uscire dalla fontana. La donna sanzionata con 450 euro ha detto ai vigili che il gesto non aveva nessuna particolare motivazione. "


'via Blog this'

Thailandia, impicca la figlia di 11 mesi in diretta Facebook e poi si uccide - Il Fatto Quotidiano

Thailandia, impicca la figlia di 11 mesi in diretta Facebook e poi si uccide - Il Fatto Quotidiano: "L’ennesimo folle gesto diffuso in un video live sui social network. Stavolta è successo a Phuket, nel sud della Thailandia, dove il 20enne Wuttisan Wongthalay ha impiccato la figlia di 11 mesi, riprendendo la scena in diretta Facebook. Poi si è tolto a sua volta la vita. È stata la moglie 21enne, Jiranuch Trairat, ad avvisare la polizia di Phuket, che ha poi trovato i corpi del padre e della figlia sul tetto di un albergo abbandonato in città.

Nei quattro minuti di video si vede l’uomo avvolgere una corda attorno al collo della figlia Beta per poi calarla dal tetto, ritirandola su solo quando la piccola ha ormai smesso di piangere. Un gesto folle che gli investigatori hanno ricondotto a una gelosia ossessiva. “Era paranoico“, ha spiegato infatti un portavoce della polizia. “Temeva che la moglie lo lasciasse e non lo amasse più”. Jiranuch ha spiegato a Phuket News che Wuttisan aveva in più occasioni abusato di lei e che spesso l’aveva accusata di avere altre relazioni. Nella notte del 23 aprile, “mi ha controllato il telefono e ha minacciato di uccidermi”, ha raccontato la donna, che a quel punto è scappata, “spaventata a morte” per ciò che lui avrebbe potuto fare. “Ho lasciato Beta con lui, e quando sono tornata nel pomeriggio loro non c’erano più. Ho provato a chiamarlo più volte per chiedergli di riportare a casa Beta, ma non sono riuscita a contattarlo. Poi sono entrata su Facebook, ho visto il video e ho chiamato la polizia”. Quando gli agenti sono arrivati nel palazzo abbandonato dove Wuttisan era stato individuato, era ormai troppo tardi.


Il video, trasmesso tramite Facebook live alle 17.45 di lunedì, è stato condiviso ripetutamente arrivando a 258mila visualizzazioni ed è stato rimosso da Facebook solo nel tardo pomeriggio di martedì. Nel frattempo era anche stato pubblicato su YouTube, dove ha raggiunto alcune migliaia di visualizzazioni prima della rimozione avvenuta su segnalazione della Bbc. Un portavoce di Facebook a Singapore ha parlato di “un incidente terribile”, sottolineando che “non c’è assolutamente posto per contenuti di questo tipo su Facebook e ora i video sono stati rimossi”. La scorsa settimana, Facebook ha annunciato la revisione del modo in cui monitora le riprese violente e il materiale dai contenuti discutibili, dopo che un uomo a Cleveland ha ucciso una persona e pubblicato il video sul social network, dove è rimasto visibile per due ore."

'via Blog this'

22 apr 2017

Virginia Raggi presenta ricorso al Tar sul Parco Archeologico del Colosseo. Franceschini: "Incredibile"

Virginia Raggi presenta ricorso al Tar sul Parco Archeologico del Colosseo. Franceschini: "Incredibile": "Il Campidoglio fa ricorso al Tar contro l'istituzione del parco archeologico del Colosseo, voluta dal Ministero dei beni, delle attività culturali e del Turismo, perché lesivo degli interessi di Roma Capitale. E' quanto si legge in una nota del Comune. Su input della Giunta capitolina l'avvocatura ha presentato questa mattina ricorso davanti il Tribunale amministrativo per chiedere l'annullamento del decreto del Mibact del 12 gennaio 2017, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il successivo 10 marzo 2017, nonché del decreto n.149 del 27 febbraio 2017, quale atto connesso e conseguente, con cui è stata indetta la selezione pubblica internazionale per il conferimento dell'incarico di direttore del Parco Archeologico del Colosseo.

In una memoria, approvata dalla Giunta capitolina, si dà inoltre mandato all'assessore alla Crescita culturale di adottare tutti gli atti necessari per avviare la revisione dell'accordo di valorizzazione tra Roma Capitale e Mibact del 21 aprile del 2015 con l'obiettivo di pervenire ad un'estensione a tutto il territorio comunale, ed in prospettiva della città metropolitana, del principio di integrazione e coordinamento delle funzioni di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale esercitate dal Mibact e Roma Capitale.

"Come sindaca di Roma, non posso sorvolare sul fatto che lo Stato centrale voglia gestire in totale autonomia il territorio della città che, invece, è patrimonio dei suoi cittadini, e senza concertare con i suoi rappresentanti diretti. Roma è patrimonio del mondo; di chi vi abita; di chi ogni giorno viene qui per lavoro o studio; di chi viene per ammirare le sue bellezze", commenta la sindaca di Roma Virginia Raggi. "E la gestione di questa complessità deve essere univoca. Non può essere frammentata tra enti e ostacolata dalla burocrazia. Non posso accettare l'idea che ci siano aree di serie A e aree di serie B nella mia città", aggiunge.

Al Parco Archeologico del Colosseo sono state attribuite competenze di tutela e valorizzazione sull'area centrale della città che comprende sia la parte di proprietà statale (Colosseo, Foro romano, Palatino e Domus Aurea) che quella di proprietà comunale (Fori imperiali, Circo Massimo e Colle Oppio). Questo nuovo assetto di competenze appare in contrasto con l'Accordo di valorizzazione in base al quale Mibact e Roma Capitale si impegnavano a costituire entro la fine del 2015 un Consorzio per la gestione della medesima area (la piantina che individua l'area di competenza del nuovo Parco Archeologico è la stessa allegata al testo dell'Accordo). Inoltre si crea un altro ostacolo all'integrazione e connessione all'area archeologica al tessuto sociale e urbanistico di Roma Capitale, espressamente prevista, invece, nell'Accordo.

La replica di Franceschini. "È incredibile che i 5 stelle che si riempiono quotidianamente la bocca di cambiamento, trasparenza e innovazione ricorrano davanti al Tar per bloccare a Roma una riforma che sta dando frutti in tutta Italia". Così il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini commenta la notizia del ricorso al Tar da parte di Roma Capitale contro il decreto che istituisce il Parco archeologico del Colosseo e prevede una selezione internazionale per la nomina del suo direttore.

"Con il provvedimento che la Giunta Raggi ha impugnato davanti al Tar - aggiunge Franceschini -il Parco archeologico del Colosseo diventa finalmente un istituto autonomo dotato di un proprio bilancio e con un direttore scelto con una selezione internazionale, che è già in corso e a cui hanno presentato domanda 84 candidati da tutto il mondo".

"Il percorso adottato per il Colosseo - continua il ministro - è lo stesso identico percorso che ha portato in Italia profondi cambiamenti al sistema museale, apprezzati in tutto il mondo e che stanno dando importanti risultati. Il Colosseo seguirà dunque lo stesso percorso che hanno seguito gli Uffizi, la Reggia di Caserta, Brera, Pompei e tutti gli altri istituti autonomi. Per opporsi a questo vengono usati argomenti falsi, infatti, non cambierà nulla nel rapporto tra la città e l'area archeologica e resterà identico l'utilizzo degli incassi del Colosseo su Roma"."


'via Blog this'